mercoledì 27 maggio 2020

Coronavirus, Nature (prestigiosa rivista scientifica): i passaporti di immunità sono una cattiva idea. Limitare i movimenti sulla base della biologia minaccia la libertà, l'equità e la salute pubblica.



Tutto ciò sembra uscito dal libro 1984 di Orwell ora anche la rivista scientifica più quotata al mondo critica le scelte politiche che stanno distruggendo tutti i diritti umani e civili a testimonianza che le loro scelte non sono scientifiche ma vengono attuate per seguire un disegno criminale dettato da oscuri padroni. L'articolo è molto importante in quanto per chi non lo sapesse in Europa ma come per il resto del mondo che segue l'agenda globale del vaccino stavano prevedendo passaporti vaccinali di conseguenza dovrebbero essere ripudiati anche quelli. Nel post sotto troverete informazioni anche sul passaporto vaccinale.

Il commissario europeo per la salute Andriukaitis frusta il governo italiano per continuare l'obbligo vaccinale e parla della passaporto elettronico vaccinale europeo


Detto ciò leggiamo l'articolo di Nature che sicuramente non è un sito di "complottisti"  ma una delle riviste scientifiche tra le più importanti al mondo.


Immagina un mondo in cui la tua capacità di ottenere un lavoro, un alloggio o un prestito dipenda dal superamento di un esame del sangue. 
Sei confinato a casa tua e chiuso fuori dalla società se ti mancano alcuni anticorpi.
È successo prima. Per gran parte del diciannovesimo secolo, l'immunità alla febbre gialla ha diviso le persone a New Orleans, in Louisiana, tra gli "acclimatati" che erano sopravvissuti alla febbre gialla e gli "non acclimatati", che non avevano avuto la malattia 1 . La mancanza di immunità imponeva chi poteva sposare, dove potevano lavorare e, per quelli costretti alla schiavitù, quanto valessero. La presunta immunità ha concentrato il potere politico ed economico nelle mani della ricca élite ed è stata armata per giustificare la supremazia bianca.
Qualcosa di simile potrebbe essere il nostro futuro distopico se i governi introducessero "passaporti dell'immunità" negli sforzi per invertire la catastrofe economica della pandemia di COVID-19. L'idea è che tali certificati sarebbero stati rilasciati a coloro che si sono ripresi e si sono rivelati positivi agli anticorpi anti-SARS-CoV-2, il coronavirus che causa la malattia. Le autorità eliminerebbero le restrizioni su coloro che si presume abbiano l'immunità, consentendo loro di tornare al lavoro, socializzare e viaggiare. Questa idea ha così tanti difetti che è difficile sapere da dove cominciare.



Il 24 aprile, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha messo in guardia contro il rilascio di passaporti immunitari perché la loro accuratezza non poteva essere garantita. Ha affermato che: "Attualmente non ci sono prove che le persone che si sono riprese da COVID-19 e hanno anticorpi siano protette da una seconda infezione" (vedere go.nature.com/3cutjqz ). Tuttavia, l'idea viene lanciata negli Stati Uniti, in Germania, nel Regno Unito e in altre nazioni.
La Cina ha già introdotto controlli sanitari virtuali, tracciabilità dei contatti e codici QR digitali per limitare il movimento delle persone. I risultati dei test anticorpali potrebbero essere facilmente integrati in questo sistema. E il Cile, in un gioco di semantica, afferma che intende rilasciare "certificati di rilascio medico" con una validità di tre mesi alle persone che si sono riprese dalla malattia 2 .
A nostro avviso, qualsiasi documentazione che limiti le libertà individuali sulla base della biologia rischia di diventare una piattaforma per limitare i diritti umani, aumentare la discriminazione e minacciare - piuttosto che proteggere - la salute pubblica. Qui presentiamo dieci motivi per cui i passaporti per l'immunità non funzionano, non possono e non dovrebbero essere autorizzati a lavorare.

Dieci punti

Quattro enormi problemi pratici e sei obiezioni etiche si sommano a una pessima idea.
L'immunità COVID-19 è un mistero. Dati recenti 3 suggeriscono che la maggior parte dei pazienti guariti produce alcuni anticorpi contro SARS-CoV-2. Ma gli scienziati non sanno se tutti producono abbastanza anticorpi per garantire la protezione futura, quale potrebbe essere un livello sicuro o quanto tempo potrebbe durare l'immunità. Le stime attuali, basate sulle risposte immunitarie a virus strettamente correlati come quelli che causano la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS), suggeriscono che gli individui recuperati potrebbero essere protetti dalla reinfezione per uno o due anni. Ma se l'immunità SARS-CoV-2 imita invece quella osservata con il raffreddore comune, il periodo di protezione potrebbe essere più breve.
I test sierologici non sono affidabili. I test per misurare gli anticorpi SARS-CoV-2 nel sangue possono essere uno strumento prezioso per valutare la prevalenza e la diffusione del virus. Ma variano ampiamente in termini di qualità ed efficacia. Ciò ha portato l'OMS e l'ex commissario americano della Food and Drug Administration Scott Gottlieb a mettere in guardia contro il loro uso nel valutare la salute individuale o lo stato immunitario. Diversi test disponibili sono sufficientemente precisi, nel senso che sono validati per avere almeno il 99% di specificità e sensibilità. Ma i dati preliminari suggeriscono che la stragrande maggioranza non è affidabile 4Bassa specificità significa che il test misura anticorpi diversi da quelli specifici della SARS-CoV-2. Ciò provoca falsi positivi, portando le persone a pensare di essere immuni quando non lo sono. Una bassa sensibilità significa che il test richiede che una persona abbia un'alta concentrazione di anticorpi SARS-CoV-2 per poter essere misurata efficacemente. Ciò provoca falsi negativi nelle persone che hanno pochi anticorpi, portando a individui potenzialmente immuni etichettati erroneamente come non immuni.
Il volume dei test necessari è irrealizzabile.Decine o centinaia di milioni di test sierologici sarebbero necessari per un programma nazionale di certificazione dell'immunità. Ad esempio, la Germania ha una popolazione di quasi 84 milioni di persone, quindi richiederebbe almeno 168 milioni di test sierologici per convalidare lo stato immunitario COVID-19 di ogni residente almeno due volte. Due test per persona sono il minimo, perché chiunque sia risultato negativo potrebbe essere successivamente infettato e avrebbe bisogno di ripetere il test per ottenere la certificazione immunitaria. Ripetere i test, non meno di una base annuale, sarebbe necessario per garantire l'immunità permanente. Da giugno, il governo tedesco riceverà 5 milioni di test sierologici al mese dalla società svizzera Roche Pharmaceuticals - un fornitore leader di un test sierologico SARS-CoV-2 che è stato approvato dai regolatori. Ciò consentirà di testare solo il 6% della popolazione tedesca ogni mese.
Anche se i passaporti per l'immunità fossero limitati agli operatori sanitari, il numero di test richiesti potrebbe essere impossibile. Gli Stati Uniti, ad esempio, avrebbero bisogno di oltre 16 milioni di tali test. Al momento della stesura di questo documento, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e i laboratori statunitensi di sanità pubblica hanno eseguito oltre 12 milioni di test diagnostici per SARS-CoV-2 (3% della popolazione totale degli Stati Uniti; vedi go.nature.com/ 2wemdd2 ). Perfino la Corea del Sud, un paese con alti tassi di test, era riuscita a testare solo l'1,5% della sua popolazione entro il 20 maggio (vedi go.nature.com/2aztfvp ).


L'operatore sanitario preleva campioni di sangue da una famiglia che indossa facemasks seduti al tavolo da pranzo nella loro casa di Monaco

Gli operatori sanitari di Monaco, in Germania, prendono il sangue per testare gli anticorpi contro la SARS-CoV-2. Credito: Laetitia Vancon / NYT / Redux / eyevine

Troppi sopravvissuti per rilanciare l'economia. La percentuale di individui noti per essere guariti da COVID-19 varia ampiamente nelle diverse popolazioni. Rapporti da hot spot in Germania e negli Stati Uniti suggeriscono che alcune località potrebbero avere tassi di recupero tra il 14% e il 30%. Nello stato di New York, ad esempio, dove 3000 persone sono state testate a caso nei negozi di alimentari e in altri luoghi pubblici, il 14,9% aveva anticorpi contro COVID-19 (vedi go.nature.com/2waaku9 ). Ma questi sembrano essere l'eccezione. In una conferenza stampa di aprile, l'OMS ha stimato che solo il 2-3% della popolazione mondiale si era ripreso dal virus.
La bassa prevalenza della malattia unita alla limitata capacità di test, per non parlare di test altamente inaffidabili, significa che solo una piccola parte di qualsiasi popolazione sarebbe certificata come libera da lavorare. Sulla base del numero attuale di casi confermati negli Stati Uniti, ad esempio, solo lo 0,43% della popolazione verrebbe certificato. Tali percentuali sono irrilevanti per l'economia e per la sicurezza. Un caffè non può aprire e servire i clienti senza rischi se solo una parte del suo personale è certificata immune. Un negozio non può generare profitti se solo una minima parte dei clienti è autorizzata ad entrare.
Il monitoraggio erode la privacy. Il punto centrale dei passaporti dell'immunità è controllare il movimento. Pertanto, qualsiasi strategia per la certificazione dell'immunità deve includere un sistema di identificazione e monitoraggio. La documentazione cartacea potrebbe essere vulnerabile alla contraffazione. La documentazione elettronica integrata in un'app per smartphone sarebbe più resistente alle frodi e più efficace per tracciare i contatti, ripetere il test e aggiornare lo stato immunitario.
Ma i documenti elettronici presentano un rischio più grave per la privacy 5In alcune province cinesi, i codici QR sugli smartphone controllano l'ingresso in luoghi pubblici sulla base dello stato di salute COVID-19 dell'individuo. Tuttavia, queste app riportano più delle informazioni COVID-19, tra cui le posizioni delle persone, la cronologia dei viaggi, con chi sono venute a contatto e altre informazioni sulla salute, che vanno dalla loro temperatura corporea al recente raffreddore. Taiwan utilizza anche app per smartphone con sistemi di allarme direttamente collegati ai dipartimenti di polizia. Il Regno Unito, gli Stati Uniti e molti altri paesi stanno testando varie opzioni di app. Tuttavia non vi è alcuna garanzia che le app retrocederanno quando COVID-19 lo farà. La Cina ha annunciato che è probabile che alcuni elementi del suo sistema di tracciamento del codice QR rimangano in vigore dopo la fine della pandemia.
I gruppi marginalizzati dovranno affrontare un esame più approfondito. Con un maggiore monitoraggio, aumenta la polizia e con esso maggiori rischi di profilazione e potenziali danni a gruppi razziali, sessuali, religiosi o di altre minoranze. Durante la pandemia, la Cina è stata accusata di residenti di profilo razziale costringendo tutti i cittadini africani a essere testati per il virus. In altre parti del mondo, le persone asiatiche hanno dovuto affrontare picchi di pregiudizi razzializzati.
Prima di questa pandemia, le leggi stop-and-frisk negli Stati Uniti avevano già influenzato in modo sproporzionato le persone di colore. Nel 2019, l'88% delle persone che sono state fermate e perquisite a New York City erano afroamericane o latinoamericane ( go.nature.com/2jntjym ). E durante la pandemia, le attività di polizia continuano a colpire persone appartenenti a gruppi minoritari. Tra la metà di marzo e l'inizio di maggio a Brooklyn, New York, 35 delle 40 persone arrestate per violazione delle leggi sull'allontanamento fisico erano nere 6 .



Questi numeri sono profondamente preoccupanti, ma lo sarebbero ancora di più se il monitoraggio e la polizia per l'immunità COVID-19 dovessero essere usati per ulteriori motivi. Ad esempio, "l'incarcerazione digitale" è già aumentata in paesi come gli Stati Uniti, il Brasile e l'Iran, dove gli individui sono stati rilasciati dal carcere per ridurre al minimo la diffusione di COVID-19 e quindi monitorati utilizzando braccialetti digitali alla caviglia. Negli Stati Uniti, dove le persone di colore sono razzialmente separate dal vicinato e incarcerate in modo sproporzionato, l'incarcerazione digitale potrebbe essere utilizzata per monitorare ampi segmenti di determinate comunità. Il rischio sarebbe ancora maggiore se il monitoraggio digitale fosse collegato allo stato di immigrazione.
Accesso ingiusto. Con una carenza di test, molti non avranno accesso. L'esperienza finora suggerisce che i ricchi e i potenti hanno maggiori probabilità di ottenere un test rispetto ai poveri e ai vulnerabili. Nei sistemi sanitari a più livelli, queste disuguaglianze sono avvertite ancora più acutamente. All'inizio di marzo, ad esempio, quando i team sportivi professionisti, i dirigenti tecnologici e le celebrità del cinema venivano testati, dozzine di stati statunitensi stavano conducendo meno di 20 test al giorno (vedi https://covidtracking.com/data). Le stesse persone che hanno bisogno di tornare al lavoro più urgentemente - i lavoratori che hanno bisogno di tenere un tetto sopra la testa e il cibo sul tavolo - hanno probabilmente difficoltà a fare un test anticorpale. Testare i bambini prima del loro ritorno a scuola potrebbe essere una priorità bassa, così come testare gli anziani in pensione e quelli che affrontano sfide fisiche, mentali o cognitive.
Stratificazione della società. Etichettare le persone sulla base del loro status di COVID-19 creerebbe una nuova misura con cui dividere gli "abbienti" e gli "abbienti": gli immunoprivilati e gli immunodepressi. Tale etichettatura è particolarmente preoccupante in assenza di un vaccino gratuito e universalmente disponibile. Se un vaccino diventa disponibile, le persone potrebbero scegliere di aderire e ottenere la certificazione immunitaria. Senza uno, la stratificazione dipenderebbe da fortuna, denaro e circostanze personali. Limitare il lavoro, i concerti, i musei, i servizi religiosi, i ristoranti, i siti di votazione politica e persino i centri di assistenza sanitaria ai sopravvissuti di COVID-19 danneggerebbe e priverebbe il diritto alla maggioranza della popolazione.



Le disuguaglianze sociali e finanziarie sarebbero amplificate. Ad esempio, i datori di lavoro che desiderano evitare i lavoratori a rischio di malessere potrebbero privilegiare gli attuali dipendenti che hanno avuto la malattia e assumere preferibilmente quelli con immunità "confermata".
I passaporti dell'immunità potrebbero anche alimentare le divisioni tra le nazioni. Le persone provenienti da paesi che non sono in grado o non sono disposti ad attuare programmi di passaporto per l'immunità potrebbero essere esclusi dal viaggiare nei paesi che li stipulano. Già le persone con HIV sono soggette a restrizioni sull'ingresso, la vita e il lavoro in paesi con leggi che incidono sui diritti delle minoranze sessuali e di genere - come la Russia, l'Egitto e Singapore.
Nuove forme di discriminazione. Le piattaforme per la certificazione immunitaria SARS-CoV-2 potrebbero essere facilmente ampliate per includere altre forme di dati sulla salute personale, come i registri della salute mentale e i risultati dei test genetici. I passaporti dell'immunità di oggi potrebbero diventare i passaporti biologici onnicomprensivi di domani. Ciò introdurrebbe un nuovo rischio di discriminazione se i datori di lavoro, le compagnie assicurative, le forze dell'ordine e altri potessero accedere alle informazioni sanitarie private a proprio vantaggio. Tali preoccupazioni sono state catalogate negli ultimi anni in dibattiti su chi dovrebbe avere accesso alle informazioni genetiche, con l'aumento della domanda da parte di medici, ricercatori, assicuratori, datori di lavoro e forze dell'ordine, ad esempio 7 .
Minacce alla salute pubblica. I passaporti dell'immunità potrebbero creare incentivi perversi. Se l'accesso a determinate libertà sociali ed economiche è concesso solo alle persone che si sono riprese da COVID-19, i passaporti di immunità potrebbero incentivare individui sani e non immuni a cercare intenzionalmente l'infezione, mettendo a rischio se stessi e gli altri 8Le difficoltà economiche potrebbero amplificare l'incentivo se un passaporto di immunità è l'unico modo per un controllo salariale. Le persone potrebbero ottenere documenti in modo illecito, mediante corruzione, trasferimento tra persone o contraffazione. Questi potrebbero creare ulteriori minacce per la salute, perché le persone che chiedono immunità potrebbero continuare a diffondere il virus. Le crisi tendono a favorire il commercio nefasto, come è accaduto durante la seconda guerra mondiale, quando le razioni alimentari in Gran Bretagna hanno causato l'emergere di un solido sistema di scambio sotterraneo.

Prossimi passi

Le strategie incentrate sull'individuo - usando concetti di etica radicata nel libertarismo - contraddicono la missione della salute pubblica 9 . Distolgono l'attenzione dalle azioni a beneficio di tutti, come il finanziamento di collaborazioni internazionali, la pratica di misure efficaci di sanità pubblica e la riparazione della disparità di reddito. In Nord America (e altrove), a causa delle disuguaglianze strutturali, le persone di colore stanno morendo di COVID-19 a tassi molto più alti rispetto ai bianchi, e il virus sta colpendo in modo sproporzionato coloro che vivono nei territori delle Prime Nazioni. Il successo dipende dalla solidarietà, un sincero apprezzamento per il fatto che siamo tutti insieme. Un'etica fondata sull'autonomia individuale è gravemente inappropriata durante una crisi di sanità pubblica; l'obiettivo generale deve essere quello di promuovere il bene comune.
Invece dei passaporti di immunità, sosteniamo che i governi e le imprese dovrebbero investire tempo, talento e denaro disponibili in due cose.
Il primo è la formula collaudata e vera della limitazione del danno pandemico - test, trace and isolate - che ha funzionato bene da Singapore e dalla Nuova Zelanda a Guernsey e Hanoi. Lo stato di salute, i dati personali e la posizione devono essere resi anonimi. Le app che consentono alle persone di fare scelte sicure sui propri movimenti dovrebbero essere prioritarie.
Il secondo è lo sviluppo, la produzione e la distribuzione globale di un vaccino per SARS-CoV-2. Se diventa possibile l'accesso universale, tempestivo e gratuito a una vaccinazione, potrebbe essere eticamente ammissibile richiedere la certificazione del vaccino per la partecipazione a determinate attività. Ma se l'accesso a un vaccino è limitato in qualche modo, allora alcune delle disuguaglianze che evidenziamo potrebbero ancora applicarsi, come attesta la letteratura sull'assunzione di altri vaccini 10 .
Le minacce alla libertà, equità e salute pubblica sono inerenti a qualsiasi piattaforma progettata per separare la società sulla base di dati biologici. Tutte le politiche e le pratiche devono essere guidate da un impegno per la giustizia sociale.
Natura 581 , 379-381 (2020)
doi: 10.1038 / d41586-020-01451-0


Nessun commento:

Posta un commento

Emergenza coronavirus, Italia: lettera di due deputate a Onu, Trump e Kennedy per denunciare le ripetute violazioni dei diritti fondamentali da parte del governo italiano

Sara Cunial  16 h   Alla luce delle ripetute e gravissime violazioni dei diritti umani che stanno avvenendo in Italia con il pretesto del...