giovedì 6 giugno 2019

Il mercato dei vaccini garantito dal CDC - Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini, parte V


© 06 giugno 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

-Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini, parte V

Dalla squadra di difesa della salute dei bambini

[Nota: questa è la parte V di una serie di articoli adattati dal secondo eBook sulla difesa della salute dei bambini : Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini. Il primo eBook , The Sickest Generation: I fatti dietro la crisi della salute dei bambini e il perché deve finire , ha descritto come la salute dei bambini abbia cominciato a peggiorare drammaticamente alla fine degli anni '80 in seguito a fatali cambiamenti nel programma dei vaccini infantili.]
Il Comitato consultivo per le immunizzazioni (ACIP) dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) ha emesso raccomandazioni vaccinali annuali per la popolazione civile statunitense dal 1995. ACIP lavora in collaborazione con importanti organizzazioni del settore medico come l'American Academy of Pediatrics (AAP) , l'American Academy of Family Physicians (AAFP), l'American College of Physicians (ACP) e l'American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG).
Il roster di membri di ACIP nel settore dell'industria si legge come un "who's who" degli individui e delle organizzazioni che guidano il business dei vaccini della nazione: quindici membri votanti provenienti da importanti scuole di medicina, ospedali per bambini e università; otto membri ex officio di agenzie federali come la FDA e il Dipartimento della Difesa (DOD); e trenta rappresentanti senza diritto di voto che fungono da collegamento con entità che vanno da Sanofi a Cigna e Planned Parenthood (essendo quest'ultimo un importante promotore e fornitore di vaccini HPV).

Una rete aggrovigliata

I conflitti d'interesse di lunga data che tengono i membri ACIP prigionieri degli interessi dell'industria farmaceutica sono ben noti e ben documentati. Nei primi anni 2000, un'inchiesta di quattro mesi di United Press International (UPI) ha identificato " una rete di stretti legami " e intese finanziarie tra i membri di ACIP e le società di vaccini, tra cui:
  • Condividere i brevetti sui vaccini
  • Possedere azioni di società di vaccini
  • Ottenere finanziamenti o fondi per la ricerca per monitorare i test sui vaccini
  • Ricevere finanziamenti per dipartimenti o appuntamenti accademici
Secondo un'indagine condotta dalla commissione per la riforma del governo nel 2000, il CDC non solo concede spesso deroghe, ma guarda anche dall'altra parte quando i membri di ACIP forniscono informazioni finanziarie incomplete.
Nel 2003, il membro del Congresso Dan Burton ha descritto il " paradosso " del CDC "autorizzando regolarmente [ing] scienziati con evidenti conflitti di interesse a servire su autorevoli comitati consultivi che formulano raccomandazioni su nuovi vaccini, nonché su questioni politiche", anche se "questi gli stessi scienziati hanno legami finanziari, affiliazioni accademiche e altri interessi acquisiti nei prodotti e nelle società per le quali dovrebbero fornire una supervisione imparziale ".
Secondo la Legge sul comitato consultivo federale (FACA), le persone nominate all'ACIP devono presentare un modulo di Deontologia dell'amministrazione pubblica e aggiornare annualmente un rapporto di informativa finanziaria. Si prevede inoltre che i membri votanti pubblichino "tutti gli interessi e il lavoro relativi ai vaccini" all'inizio di ogni riunione dell'ACIP. Tuttavia, il CDC si è mostrato fin troppo disposto a emettere deroghe per conflitti di interesse se si accerta (come fa di routine) che "la necessità dei servizi individuali supera il potenziale di conflitto di interesse creato dagli interessi finanziari coinvolti". Secondo un'inchiesta del Comitato per la riforma del governo nel 2000, il CDC non solo concede spesso deroghe, ma guarda anche dall'altra partequando i membri ACIP forniscono informazioni finanziarie incomplete. Inoltre, una scappatoia consente di svolgere una considerevole mole di lavoro ACIP in gruppi di lavoro i cui membri sono esenti dai requisiti procedurali di conflitto di interessi del FACA, anche se i gruppi di lavoro "svolgono un ruolo scientifico fondamentale a sostegno dello sviluppo della politica vaccinale. ”

biglietto d'Oro

Dopo che ACIP ha fatto i suoi consigli sul vaccino, il CDC li pubblica nel rapporto settimanale Morbidity and Mortality . Le raccomandazioni (nelle stesse parole dei funzionari CDC) "hanno [un] impatto maggiore sulle politiche e le pratiche di immunizzazione negli Stati Uniti e in altri paesi". In altre parole, "imprimatur" di ACIP è un " biglietto d'oro " per i produttori di vaccini. I vaccini sul programma del CDC diventano praticamente obbligatori per i bambini americani che frequentano una "scuola elementare o privata, scuola media o secondaria, asilo nido, scuola materna, asilo nido familiare o centro di sviluppo".
Allo stato attuale, il programma vaccinale dell'infanzia richiede circa sei dozzine di dosi fino ai 18 anni per sedici malattie.
Le esenzioni di vaccini sono attualmente disponibili a vari livelli in 47 stati per motivi medici, religiosi o filosofici. Riflettendo le crescenti preoccupazioni dell'opinione pubblica sulla sicurezza dei vaccini, l'uso di esenzioni non mediche è aumentato del 19% dal 2009 al 2013. Tuttavia, tutti e tre i tipi di esenzioni sono sotto attacco aggressivo . Supportato da lobbisti dell'industria farmaceutica e da editti CDC, 12 delle 13 fatture relative alle esenzioni firmate in legge tra il 2011 e il 2017 "limitavano la capacità di esentare", erigendo maggiori barriere legali per i genitori interessati.
Nell'ambito del contesto di non responsabilità della legge sul vaccino contro l'infanzia del 1986 (NCVIA), il CDC e l'ACIP hanno svolto un ruolo importante nell'aprire le porte della drammatica espansione del programma di vaccinazione infantile. Nei primi anni '80, i bambini ricevettero tre vaccini per sette malattie - due vaccini combinati (difterite-tetano-pertosse e morbillo-parotite-rosolia) e un vaccino contro la poliomielite - per due dozzine di dosi all'età di 18 anni. dopo l'implementazione del NCVIA), il CDC ha confezionato più dosi di diversi altri vaccini sul programma infantile, compresi quelli per Haemophilus influenzaetipo b (Hib), epatite B (il giorno di nascita) e varicella (varicella), così come un vaccino contro il rotavirus (ritirato un anno dopo la sua introduzione). Successivamente, nel primo decennio degli anni 2000, il CDC raccomandò una quantità ancora maggiore di nuovi vaccini, andando oltre non solo i bambini ma anche gli adolescenti e gli adulti: epatite A, papillomavirus umano (HPV), coniugato meningococco, coniugato pneumococcico, rotavirus (di nuovo ) e zoster (fuoco di Sant'Antonio), insieme a un adulto tetano-difterite-pertosse booster (Tdap) e una massiccia espansione delle raccomandazioni del vaccino contro l'influenza per tutte le età. Allo stato attuale, il programma vaccinale dell'infanzia richiede circa sei dozzine di dosi fino ai 18 anni per sedici malattie .

Profitti e brevetti

Il CDC è uno dei principali attori nel mercato dei vaccini, compra la metà di tutti i vaccini per l' infanzia negli Stati Uniti e poi li vende ad agenzie sanitarie contratte attraverso il programma Vaccines for Children (VFC), che spinge vaccini gratuiti ea basso costo su bambini indigenti . Negli ultimi trent'anni, gli acquisti di vaccini del CDC sono aumentati di 15 volte, in quanto il costo medio di vaccinare completamente un bambino fino all'età di 18 anni è passato da $ 100 a $ 2192, mentre le società di vaccini hanno sfruttato i profitti.
... l'elevato numero di brevetti detenuti dal CDC merita una revisione approfondita per determinare esattamente quali sono attualmente le relazioni finanziarie con i produttori di vaccini e quale ... l'attuale impatto di tali flussi di entrate potrebbe avere sulle posizioni di sicurezza dei vaccini.
Il coinvolgimento dell'agenzia con i produttori di vaccini si estende anche a brevetti, accordi di licenza e collaborazione su progetti per lo sviluppo di nuovi vaccini. In effetti, il CDC e il National Institutes of Health (NIH) traggono profitto dalla proprietà o dalla comproprietà con i partner del settore privato dei brevetti relativi ai vaccini. Un'analisi del 2017 dei risultati di Google Patents ha mostrato che il CDC conteneva 56 brevetti relativi a vari aspetti dello sviluppo, della produzione, della somministrazione e dei coadiuvanti dei vaccini. Entro maggio 2019, i termini di ricerca "Centri per vaccini di controllo e prevenzione delle malattie" hanno recuperato 143 risultati nel motore di ricerca di Google Patents e un sito web legale separato ha mostrato 10 schermate di brevetti CDC,sia correlata al vaccino sia al non vaccino. L'autore dell'analisi del 2017 suggerisce che l'elevato numero di brevetti detenuti dal CDC "merita una revisione approfondita per determinare esattamente quali sono attualmente le relazioni finanziarie con i produttori di vaccini e quali ... l'impatto attuale di tali flussi di entrate potrebbe avere sulla sicurezza dei vaccini posizioni “.
Gardasil è "forse l'esempio principale di una nuova forma di autoaffermazione governativa non vincolata, in accordi in cui [HHS] può trasferire tecnologia a partner farmaceutici, [e] contemporaneamente approvare e proteggere le licenze tecnologiche dei loro partner e allo stesso tempo prendere un taglio di i profitti. "Sembra dubbio che le agenzie possano rimanere imparziali di fronte a questi profitti.
Al NIH, l'influenza sulla politica dei brevetti e delle licenze che generano profitto giustifica un simile controllo. Secondo un rapporto approfondito, perché "NIH finanzia spesso la ricerca con risultati commercialmente validi", quando NIH brevetta le sue invenzioni, i brevetti diventano " preziose proprietà commerciali " per il Dipartimento di Salute e Servizi Umani (HHS), il proprietario dei brevetti . Nel 2006, i ricercatori hanno descritto i partner commerciali come "essenziali per il ruolo del NIH di contribuire a facilitare la formazione di nuovi prodotti sanitari per il pubblico".
Alcune delle tecnologie chiave alla base dello sviluppo dei vaccini HPV Gardasil e Cervarix sono emerse da una ricerca brevettata dal National Cancer Institute (NCI) del NIH, che ha poi concesso in licenza la tecnologia a Merck, MedImmune e GlaxoSmithKline. Entro il 2009, le licenze HPV sono diventate il principale generatore di royalties di NIH. Gardasil è "forse l'esempio principale di una nuova forma di autoaffermazione governativa non vincolata , in accordi in cui [HHS] può trasferire tecnologia a partner farmaceutici, [e] contemporaneamente approvare e proteggere le licenze tecnologiche dei loro partner e allo stesso tempo prendere un taglio di i profitti. "Sembra dubbio che le agenzie possano rimanere imparziali di fronte a questi profitti.

Tratto da: 
https://childrenshealthdefense.org/news/close-ties-and-financial-entanglements-the-cdc-guaranteed-vaccine-market/
Articoli correlati:

FDA e vaccini - Conflitti di interesse Minaccia per la salute dei bambini: Parte IV
https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/06/fda-e-vaccini-conflitti-di-interesse.html

Ridendo fino in fondo alla bancarotta: produttori di vaccini e tutela della responsabilità civile - Conflitti di interessi minare la salute dei bambini: parte III
https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/ridendo-fino-in-fondo-alla-bancarotta.html

NCVIA: La legislazione che ha cambiato tutto - Conflitti di interesse che stanno minando alla salute dei bambini: parte II
https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/ncvia-la-legislazione-che-ha-cambiato.html


Vaccinazione come ortodossia: conflitti di interesse minare la salute dei bambini parte I

https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/vaccinazione-come-ortodossia-conflitti.html

Sanità....“Te lo do io il cambiamento”, il nuovo libro di Ivan Cavicchi


Libro da incorniciare, complimenti per la chiarezza. Prof. Cavicchi, GRAZIE per la sua onestà, la sua voce emerge a fatica dalle macerie del 4 potere sempre più servile ad una classe politica corrotta, i suoi scritti sono come tesori nascosti sotto cumuli di immondizia con i quali il quarto potere scarica sulle masse. 


“All’elezione del 4 marzo 2018, la sanità ridotta alla disperazione dai governi a guida PD, quindi con una forte necessità di cambiamento, ha contribuito e non poco, al successo elettorale del M5S. Con le recenti elezioni europee vi assicuro che molti di quei voti, salvo pochissime eccezioni, sono tornati indietro”, è un passaggio dell’introduzione del nuovo libro di Ivan Cavicchi da oggi scaricabile gratuitamente per i nostri lettori.

Un libro che è anche un viaggio lungo 365 giorni, quanto è passato in questo primo anno di Governo, che non fa sconti alla politica sanitaria dell’Esecutivo e che si chiude con un capitolo di proposte, sotto forma di “consigli al ministro Grillo destinati probabilmente ad essere ignorati”, perché dice Cavicchi nell’ultimo passaggio del suo libro: “Chi pensa di cambiare la sanità senza riformare tutto quello che in essa è contenuto, alla fine non vuole cambiare. Rassegnatevi all’evidenza: non si cambia se non si riforma”.

Vi anticipiamo qui l’introduzione dello stesso Cavicchi:

Le elezioni europee del 26 maggio 2019 hanno di fatto sancito una clamorosa sconfitta politica del M5S: ben 6 milioni di voti in meno rispetto alle elezioni politiche dello scorso anno.

In un tempo breve (circa un anno) e per ragioni diverse, ciò, sembra essere accaduto, almeno a sentire il sentimento comune, a causa soprattutto di una delusione collettiva: i cinque stelle senz’altro sono persone pulite, con le carte a posto, non compromesse, dei moralizzatori non c’è dubbio, ma che, nello stesso tempo, alla prova del governo, si sono rivelati dei “dilettanti allo sbaraglio” per citare ormai un luogo comune.

In logica, i dilettanti allo sbaraglio si definirebbero soggetti “para-consistenti” e “para-completi” né carne e né pesce, veri e falsi, quindi ambigui ma fondamentalmente incongrui e inadeguati.

In sanità questa contraddizione tra la para-consistenza del governo e l’enorme complessità del settore è esplosa sotto gli occhi di tutti.

Questo settore con più di un milione di addetti e tanti ma tanti milioni di utenti, è un esempio, delle fortune e delle sfortune del M5S.

All’elezione del 4 marzo 2018, la sanità ridotta alla disperazione dai governi a guida PD, quindi con una forte necessità di cambiamento, ha contribuito e non poco, al successo elettorale del M5S. Con le recenti elezioni europee vi assicuro che molti di quei voti, salvo pochissime eccezioni, sono tornati indietro. In sanità oggi regna la disillusione e la percezione generale che i più hanno sul proprio ministro è quella proverbiale del bambino e del fucile.

Alla fine a capo di una cosa super complessa, seguendo un criterio evidentemente anti-meritocratico, cioè in linea con le più viete consuetudini di partito, il M5S non ha scelto l’expertise ma il funzionario cioè la militanza anzi la militanza si è irresponsabilmente auto-proposta come expertise. Oggi questo atto di presunzione costa caro.

Che si aveva a che fare con un ministro paraconsistente lo si è capito subito fin dalla legge di bilancio dove la sua marginalità politica non ha certo aiutato a rifinanziare la sanità e a rinnovare i contratti, per non parlare dei vaccini una questione gestita a dir poco con i piedi, e del regionalismo differenziato una problematica affrontata con troppe  ambiguità, per non parlare della seconda gamba, dove  nulla si è fatto  per disincentivare i concorrenti del servizio pubblico.

In sanità a fronte del dichiarato “governo del cambiamento” abbiamo registrato, incapacità a parte, soprattutto continuità e invarianza. Oggi tra prima del governo Conte   e dopo, nelle politiche sanitarie non ci sono molte differenze.

La sanità continua ad avere i suoi bravi problemi strutturali e le sue brave crisi le sue mostruose diseguaglianze e gli stessi rischi regressivi di prima. Il M5S ci aveva promesso di essere diverso ma in sanità esso si è rivelato uguale a chi è venuto prima.

Soprattutto continua, pur parlando di cambiamento, a non avere una strategia riformatrice cioè continua con il piccolo cabotaggio, con la gestione dell’ordinario, con il volare basso.

Questo libro tuttavia non vuole solo raccontare la para-consistenza di un ministro cinque stelle ma vuole contrapporre alle sue politiche anodine ben altre politiche e bel altre soluzioni, cioè ben altre idee.

Se vogliamo salvare la sanità pubblica, fidatevi, non è possibile governare la sua crisi grave di credibilità, i suoi problemi strutturali, senza adottare politiche riformatrici. Meno che mai, è possibile, far fronte alle diverse derive contro-riformatrici in atto, alle grandi incognite legate alla sostenibilità finanziaria del sistema, alla crisi che riguardano le professioni più importanti, alla crisi della medicina quale paradigma, ai grandi problemi funzionali dei servizi come gli ospedali.

Tre anni fa contro la para-consistenza dei precedenti governi, e vedendo la sanità regredire sempre di più e, sempre di più, spinta verso la sua privatizzazione, avanzai la proposta di mettere mano ad una “quarta riforma”.

Di fronte alla necessità, quanto meno, di preparare una svolta riformatrice, di ragionare con politiche almeno di medio periodo, questo ministro alla salute, ha girato le spalle, dichiarando pubblicamente di preferire la “gestione dell’ordinario”.

Il bisogno, in sanità, di una svolta riformatrice è reso ancora più acuto dalla constatazione che le riforme della sanità fatte sino ad ora (ben tre) in parte sono andate storte, in parte sono rimaste sulla carta, in parte sono state sbagliate. Ma anche su questo problema il ministro, evidentemente a corto di idee, ha fatto orecchio da mercante.

E ancora i problemi della sostenibilità economica. La spesa sanitaria come è noto ha una natura incrementale, senza uno straccio di strategia per governarla, si finisce con il condannare la sanità ad essere eternamente sotto finanziarla. Ma anche su questo problema solo pochi spiccioli ma nessuna disponibilità da parte del ministero a trovare delle soluzioni alternative al de-finanziamento del sistema.

Infine i grandi problemi culturali della sanità, il grande scollamento tra medicina e società. La società i cittadini i loro bisogni sono cambiati, il paziente classico non c’è più, ma la sanità e la medicina restano ferme ancora alle vecchie culture mutualistiche del passato, a vecchie e superate concezione di servizio e di malattia, e nonostante le nuove possibilità offerte dalla tecnologia, le prassi delle professioni sembrano fossilizzate quindi appartenenti a primigenie epoche geologiche.

Ma anche su questo terreno nessun interesse da parte del ministro.
Oggi il M5S sulla sanità perde consensi ma sarebbe stato strano il contrario.

Non basta dire che si è bravi onesti e puliti, i problemi che ci sono vanno risolti, e per risolverli bisogna saperci fare, avere idee, avere coraggio, saper convincere la gente, saper fare politica quella vera. Tutte cose che chi ha governato la sanità fino ad ora non ha fatto e non ha saputo fare.

Sono stato l’unico che, in tempi non sospetti, quindi sin dall’inizio, pagando anche il prezzo dell’incomprensione del sospetto, sulle politiche del ministro Grillo, ha avanzato pubblicamente perplessità, critiche, ammonimenti, allarmi, preoccupazioni, mettendo in guardia il M5S sui rischi anche elettorali che correva.

Sono stato anche quello, è bene che si sappia, che al ministro Grillo ha offerto disinteressatamente il proprio expertise senza avere risposte.

Questo libro ne è la prova. Oggi i voti persi dal M5S, danno ragione, alle mie preoccupazioni, ma credetemi avere ragione non mi consola per niente. Per me. come sempre, la sanità viene prima di tutto.

Con il crollo elettorale del M5S per noi della sanità e in un clima finanziario sempre più complesso, si aprono nuovi problemi e nuove incognite e probabilmente nuovi dispiaceri.

Ma il punto è sempre il solito: a parte i ministri che aspettiamo a mettere in piedi un vero pensiero riformatore all’altezza delle sfide?

Ivan Cavicchihttps://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=74593

http://95.110.234.53/qs_dnl/sanita_te_lo_do_io_il_cambiamento.pdf

domenica 2 giugno 2019

Informati!!! Obblighi vaccinali, analisi sui vaccini e danni da vaccinazioni



I realatori

Ferdinando Donolato
Presidente Corvelva

Dott.ssa Loretta Bolgan
Dottore in chimica e tecnologie farmaceutiche, con dottorato in scienze farmaceutiche ad Harvard medical school Boston. Ha lavorato nel settore dell’industria farmaceutica dove si è occupata di registrazione e sviluppo di progetti di ricerca in ambito oncologico. Consulente di parte legge 210/92, inquinamento ambientale e malattie professionali, ha partecipato all’ultima Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito nel gruppo vaccini. Attuale consulente per l’Ordine Nazionale dei Biologi per la tossicologia dei farmaci e dei vaccini, si occupa anche di nutrizione e terapie complementari.


Dott. Dario Miedico
Il Dott. Miedico teneva conferenze Internazionali in Europa, come Esperto dei danni provocati dalle vaccinazioni. Prima che nel nostro sciagurato paese venisse instaurato il regime sanitario.

BRUXELLES - PARLAMENTO EUROPEO - 05.04.2002

Conferenza Internazionale sul tema : I fondamenti delle vaccinazioni.
Relazione del Dott. Dario MIEDICO - Milano - Italia
"I danni provocati dalle vaccinazioni"

Link: 
http://digilander.libero.it/leganordcamponogara/documenti/vaccini/Relazione_Bruxelles_definitiva.pdf

Moderatore della serata
Luca Marton 
Editore Salute Plus










sabato 1 giugno 2019

A Taranto 600 bambini nati malformati, ma il dato resta nascosto


La 
Ecco di dati scomodi che sono stati presentati pubblicamente a maggio

Ben 600 bambini nati malformati a Taranto. Un dato non presentato pubblicamente ai giornalisti prima delle elezioni europee. Il dato era stato confinato in un angolino della Valutazione Danno Sanitario ILVA, che quasi nessuno ha letto. E così l'informazione non è diventata una notizia.

30 maggio 2019

Alessandro Marescotti

"Apriremo il Parlamento come una scatoletta"


Il M5s doveva aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. Adesso che sono al governo hanno tenuto nel cassetto il nuovo studio epidemiologico Sentieri. Uno studio già pronto di cui era stata annunciata la presentazione ufficiale per maggio. In questo nuovo studio sono censiti 600 casi di malformazioni congenite infantili a Taranto.
Perché far slittare tutto a luglio?

Temevano di perdere voti sotto le elezioni fornendo questi dati?

Aprono la scatoletta dopo le elezioni.

Diffondere la terribile realtà a ridosso del voto è sconveniente, vero?

E aprono la scatoletta con i morti, i malati e i malformati il 4 luglio, quando ormai avremo già incontrato Di Maio.

Sono indignato.

 A Taranto 600 bambini nati malformati

Note: Il dato dei 600 bambini malformati era disponibile nel file zippato della VDS ILVA 2018, un formato tale che non entra nei motori di ricerca scrivendo "600 bambini malformati a Taranto". 

Tratto da: https://www.peacelink.it/editoriale/a/46557.html



Chi ha visto... lo studio Sentieri? Pubblicazione rinviata a luglio In evidenza

By Redazione   Maggio 25, 2019

I risultati del quinto rapporto Sentieri si sarebbero dovuti conoscere già da qualche giorno. E invece no. Cambio di programma. Per sapere se il rischio di mortalità, per ciascuna delle patologie già riscontrate nel tarantino, è aumentato o diminuito dovremo attendere il 4 di luglio.

Basta andare sul sito ufficiale dell'Istituto Superiore di Sanità per fare l'amara scoperta. "Il workshop è stato posticipato dal 21 maggio", si legge senza che vengano addotte le motivazioni di tale dilazione nel tempo. "Non vorrei che il rinvio fosse l’ennesima manovra elettorale del governo per posticipare a dopo le elezioni europee la diffusione di dati poco rassicuranti sul rischio di contrarre malattie gravi e di mortalità per chi vive nei siti interessanti dallo studio, Taranto compresa", commenta la deputata LeU Rossella Muroni .

"Peccato - prosegue la parlamentare - che rinviare e nascondere la polvere sotto il tappeto non risolva i problemi dei cittadini. Anzi.L’ambiente è questione centrale, influenza molti aspetti della vita dei cittadini e la politica deve dargli la priorità che merita. In particolare abbiamo il dovere di tenere insieme i diritti al lavoro, alla salute e alla qualità ambientale, anche per questo serve promuovere uno sviluppo sostenibile, inclusivo e capace di futuro".

Tratto da: http://www.cronachetarantine.it/index.php/primo-piano/item/14147-chi-ha-visto-lo-studio-sentieri-pubblicazione-rinviata-a-luglio


Ora la notizia dopo le elezioni la notizia fa il giro dei media asserviti ai politicanti di turno.


Ex Ilva, Bonelli (Verdi): “600 bambini nati con malformazioni a Taranto, ma governo rinvia presentazione dello studio”
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/06/01/ex-ilva-bonelli-verdi-600-bambini-nati-con-malformazioni-a-taranto-ma-governo-rinvia-presentazione-dello-studio

Ex Ilva: Bonelli (Verdi), nascosti dati su 600 bimbi malformati
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2019/06/01/ex-ilva-bonelli-verdi-nascosti-dati-su-600-bimbi-malformati_b966b4e1-30ce-4a1d-8731-b109c4fc6bb7.html

Articoli Correlati:

«Mi guardi ministro». prof. Marescotti sbugiarda Di Maio
https://www.facebook.com/watch/?v=418664345590053

Il Mo-Vi-Mento a 5 stelle dopo le false promesse elettorali mette nella commissione Unesco per l’Italia il testimonial della campagna ProVax Vacciniamoli tutti

http://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/01/il-mo-vi-mento-5-stelle-dopo-le-false.html

Pertosse: fallimento del vaccino, non fallimento del vaccino


© 31 maggio 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.


Dalla squadra di difesa della salute dei bambini

Questa è l'ultima scienza sottoposta a peer-non "disinformazione del vaccino". Questi studi mostrano che il vaccino della pertosse (pertosse) ha ora fallito. Peggio ancora, i bambini che ricevono il vaccino hanno 15 volte il rischio di contrarre la pertosse rispetto ai bambini non vaccinati. Questo è il motivo per cui le scuole della California stanno subendo un'epidemia di pertosse (3.455 casi nel 2018 rispetto ai 14 casi di morbillo) che riguardano solo i bambini vaccinati. Inoltre, i bambini vaccinati sono spesso portatori asintotici che diffondono la malattia tra i loro compagni di classe.
Nelle rare occasioni in cui i bambini non vaccinati contraggono la pertosse, sanno di avere la malattia e di restare a casa. Pertanto i bambini vaccinati con il vaccino DTaP hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia e di diffonderla.
Con la legislazione sui mandati che investe tutta la nazione, la posta in gioco è troppo alta perché i cittadini tollerino la pigrizia, l'analfabetismo scientifico e una mancanza di collegialità nei nostri leader eletti. È tempo che i legislatori controllino le loro fonti.
La ricerca (Clicca su ogni immagine per vedere ogni studio completo o scarica le diapositive come una presentazione di PowerPoint ):


FDA e vaccini - Conflitti di interesse Minaccia per la salute dei bambini: Parte IV


© 29 maggio 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.


Dalla squadra di difesa della salute dei bambini
[Nota: Questa è la Parte IV di una serie di articoli adattati dal secondo eBook sulla difesa della salute dei bambini : Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini. Il primo eBook , The Sickest Generation: I fatti dietro la crisi della salute dei bambini e il perché deve finire , ha descritto come la salute dei bambini abbia cominciato a peggiorare drammaticamente alla fine degli anni '80 in seguito a fatali cambiamenti nel programma dei vaccini infantili.]
L'industria dei vaccini sta crescendo dalla fine degli anni '80, quando il Congresso approvò la legge sull'infortunio ai vaccini contro l'infanzia (NCVIA) che fornì ai produttori un'immunità totale dalla responsabilità . Due agenzie di regolazione hanno svolto un ruolo fondamentale in questo " rinascimento " di vaccini : la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Lavorando a stretto contatto con le aziende produttrici di vaccini, queste agenzie hanno contribuito a proteggere e far crescere il mercato dei vaccini infantili privo di responsabilità, garantendo miliardi di dollari di entrate aziendali con poca necessità per i produttori di vaccini di pubblicizzare o commercializzare i loro prodotti.
Anche se da anni sono emerse credibili accuse da parte di legislatori , ricercatori , gruppi di sorveglianza e molti altri - che sia la FDA che il CDC mancano dell'imparzialità necessaria per formulare giudizi accurati sulla sicurezza dei vaccini, le due agenzie continuano con le loro pratiche abituali. . Con la promozione del vaccino che sostituisce il monitoraggio della sicurezza del vaccino come obiettivi organizzativi, i conflitti di interesse sono integrati nel DNA di entrambe le agenzie.
In questo articolo, esaminiamo il ruolo della FDA nella concessione di licenze per i vaccini e ignorando le lesioni da vaccino. Il prossimo articolo (parte V) descriverà la parte cruciale giocata dal CDC nella creazione e promozione del programma di vaccinazione infantile gonfiato.
... gli studi clinici per il vaccino Merck Recombivax per l'epatite B (approvato per la somministrazione il primo giorno di vita) hanno monitorato meno di 150 neonati e bambini per cinque giorni dopo ciascuna dose. Sepolto nel foglietto illustrativo del vaccino è l'informazione che le malattie autoimmuni e un'apparente sindrome da ipersensibilità ... di esordio ritardato sono state segnalate giorni o settimane dopo la vaccinazione.

Accelerare i vaccini sul mercato

La supervisione della FDA sui vaccini - classificati come "prodotti biologici" anziché come farmaci - rientra nella giurisdizione del Centro per la valutazione e la ricerca biologica (CBER). Il Centro per la valutazione e la ricerca sui farmaci (CDER) della FDA gestisce altri farmaci e alcuni prodotti da banco. Sia per CDER che per CBER , "è responsabilità della società che cerca di commercializzare un farmaco [o un farmaco biologico] per testarlo e presentare la prova che è sicuro ed efficace".
I produttori di farmaci e vaccini hanno un evidente interesse a dipingere un quadro roseo dei loro prodotti, ma la classificazione dei vaccini come "biologici" consente ai produttori di vaccini di velocizzare i loro prodotti sul mercato con test di sicurezza molto meno onerosi di quelli richiesti da altri nuovi farmaci. In effetti, gli studi di prelicenza del vaccino spesso presentano fatali difetti metodologici che rendono quasi impossibile identificare i rischi per la sicurezza.
La maggior parte degli studi clinici di prelicenza ha un periodo di osservazione assurdamente breve (a volte anche di pochi giorni o settimane), il che rende impossibile valutare gli esiti a lungo termine come la malattia autoimmune o il cancro. Ad esempio, gli studi clinici per il vaccino Merck Recombivax per l'epatite B (approvato per la somministrazione il primo giorno di vita) hanno monitorato meno di 150 neonati e bambini per cinque giorni dopo ciascuna dose. Sepolto nel foglietto illustrativo del vaccino è l'informazione che le malattie autoimmuni e "un'apparente sindrome da ipersensibilità ... di esordio ritardato [sono state segnalate giorni o settimane dopo la vaccinazione" [enfasi aggiunta].
Gli studi controllati con placebo sono ampiamente riconosciuti come il gold standard per la valutazione della sicurezza e dell'efficacia del vaccino. Tuttavia, gli studi di prelicenza tipicamente testano nuovi vaccini contro i vaccini esistenti invece di usare veri placebo (definiti come "una sostanza inerte, come un'iniezione salina"). Questo tipo di confronto vaccino-vaccino consente di mascherare le reazioni avverse sostenendo che non ci sono differenze tra i gruppi.
Nel 1992, il Congresso approvò la legge sui diritti degli utenti di farmaci da prescrizione, consentendo alle compagnie farmaceutiche di effettuare pagamenti alla FDA (denominati "tasse dell'utente") in cambio di un'approvazione accelerata di farmaci e prodotti biologici, compresi i vaccini.

Agenzia catturata

Le agenzie catturate operano "essenzialmente come ... avvocato [...] per le industrie che regolamentano", abrogando il loro dovere di agire nell'interesse pubblico. Il monitoraggio rapido di vaccini e farmaci fornisce un chiaro esempio di acquisizione normativa FDA. Nel 1992, il Congresso approvò la legge sui diritti degli utenti di farmaci da prescrizione, consentendo alle compagnie farmaceutiche di effettuare pagamenti alla FDA (denominati "tasse dell'utente") in cambio di un'approvazione accelerata di farmaci e prodotti biologici, compresi i vaccini. Ulteriori leggi nel 2012 hanno ulteriormente facilitato l'approvazione "accelerata" consentendo alla FDA di utilizzare end point surrogati per valutare un farmaco o un vaccino piuttosto che attendere di valutare i benefici clinici a lungo termine.
Secondo un rapporto del 2015 nella rivista Fortune , le aziende farmaceutiche sono più che disposte a pagare " grosse cifre " per accelerare l'approvazione della FDA. Nel processo, ottengono una leva straordinaria sul processo decisionale normativo. Mentre la FDA era stata finanziata pubblicamente prima del 1992, l'agenzia ora riceve il 45% del suo bilancio annuale dall'industria . Inoltre, nell'anno fiscale 2017, i tre quarti (75%) dell'aumento annuale del budgetdella FDA provenivano dalle tasse degli utenti, con l'industria farmaceutica che sostanzialmente pagava gli stipendi dei regolatori.

Avvertimenti non ascoltati

In passato, i ricercatori e i regolatori sapevano che l'approvazione di un vaccino non precludeva la necessità di un monitoraggio della sicurezza in corso e successivo al rilascio delle licenze. Infatti, quelli più vicini allo sviluppo del vaccino hanno periodicamente emesso avvertimenti sulla necessità di maggiore cautela e controllo. Nel 1961, un importante ricercatore di poliomielite dichiarò in Science che "anche dopo la concessione di licenze, un nuovo prodotto vaccinale deve essere considerato in prova " a causa delle molte "nuove variabili" che accompagnano la produzione e il lancio su larga scala di vaccini. Nel 1999, il capo della Divisione Prodotti Virali di CBER sosteneva che i progressi nella tecnologia dei vaccini stavano " superando la capacità dei ricercatori di predire potenziali eventi avversi correlati al vaccino". Entrambi questi avvertimenti ben fondati sono stati in gran parte ignorati.
Al giorno d'oggi, la FDA (insieme al CDC e ad altre agenzie governative) gioca principalmente un ruolo da cheerleader, assicurando ai residenti che gli Stati Uniti hanno "la più sicura ed efficace fornitura di vaccini nella storia". L'industria dei vaccini fa affermazioni simili, vantandosi della " completezza " e continua "valutazione della sicurezza dei vaccini, inclusa la post-approvazione. Tutte queste affermazioni si aggirano allegramente intorno al fatto - attestato da oltre 4 miliardidi dollari in pagamenti dal Programma nazionale per il risarcimento delle lesioni da vaccino - che i vaccini causano invalidità permanente e morte con una certa regolarità.
È probabile che milioni di reazioni avverse ai vaccini stiano avvenendo negli Stati Uniti ogni anno, eppure, proprio perché queste lesioni quasi sempre non vengono riportate, le discussioni ufficiali sulla sicurezza dei vaccini rimangono estremamente fuorvianti.

Sottostima del danno da vaccino

Come parte del NCVIA, i legislatori hanno fatto un cenno al potenziale di danno del vaccino imponendo che FDA e CDC stabiliscano congiuntamente un sistema di monitoraggio della sicurezza per raccogliere e analizzare " segnalazioni spontanee di eventi avversi che si verificano nelle persone che seguono la vaccinazione." il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) - ha ricevuto quasi 700.000 segnalazioni di eventi avversi post-vaccinazione dal 1990. Tuttavia, il Dipartimento di Salute e Servizi Umani (HHS) ha stimato che questi rapporti rappresentano solo l'1% delle lesioni da vaccinoÈ probabile che milioni di reazioni avverse ai vaccini stiano avvenendo negli Stati Uniti ogni anno, eppure, proprio perché queste lesioni quasi sempre non vengono riportate, le discussioni ufficiali sulla sicurezza dei vaccini rimangono estremamente fuorvianti.
Quando si parla di lesioni da vaccino, i medici sono intermediari fondamentali tra i pazienti e i produttori di vaccini. Tra i fattori che funzionano per impedire ai medici di riconoscere e segnalare eventi avversi c'è la mancanza di un addestramento scolastico in medicina sulle reazioni avverse al vaccino e la scarsa conoscenza del VAERS. Uno studio ampio e nazionale rappresentativo dei fornitori di assistenza sanitaria(inclusi medici, infermieri di medio livello e infermieri) hanno rilevato che poco più di un terzo (37%) aveva mai identificato un evento avverso post-vaccinazione, ma solo il 17% di quel sottogruppo aveva mai fatto un rapporto al VAERS. Uno studio qualitativo dei fornitori di servizi sanitari in Australia (dove le politiche sui vaccini sono, in modi chiave, simili a quelli negli Stati Uniti) ha rilevato che i fornitori spesso hanno sperimentato "confusione" sui tipi di eventi che potrebbero costituire eventi avversi "segnalabili" e non erano chiari su come definire eventi avversi "gravi" .
Per il bene dei bambini americani, è essenziale garantire che tutte le parti coinvolte nell'approvazione federale dei vaccini siano esenti da conflitti di interesse.

Una coincidenza"??? Puh-leeze!

Nel discutere dei ricercatori di VAERS , FDA e CDC piace averlo in entrambe le direzioni. Da un lato, lodano il sistema di segnalazione per guidare ulteriori valutazioni sulla sicurezza, ma d'altra parte, le agenzie avvertono che "i dati VAERS interpretati da soli o fuori contesto possono portare a conclusioni errate su causa ed effetto e al rischio di eventi avversi che si verificano dopo la vaccinazione. "Inoltre si preoccupano di sottolineare che" un evento avverso di salute o un problema di salute che si verifica dopo o durante la somministrazione di un vaccino ... potrebbe essere causato da un vaccino o potrebbe essere una coincidenzae non correlato alla vaccinazione "[enfasi aggiunta]. In effetti, gli autori del governo che sfornano articoli in materia di sicurezza dei vaccini dimostrano una predilezione per l'idea che le disavventure post vaccinazione siano semplicemente un colpo di fortuna. L'industria, inoltre, ama dire al pubblico che ha "linee guida e algoritmi" per distinguere tra un evento avverso post-vaccinazione che "può" essere correlato causalmente ad un vaccino rispetto ad un evento che è coincidente con la vaccinazione.
Anche quando l'evento avverso in questione è una morte "associata temporalmente alla vaccinazione", i ricercatori governativi amano basarsi sull'argomento della coincidenza, ammettendo nel contempo che "i propri cari e gli altri potrebbero naturalmente mettere in discussione la relazione con la vaccinazione"! Questo, nonostante l'ammissione a "rari casi in cui un rischio teorico noto o plausibile di morte dopo la vaccinazioneesiste ", come i casi che coinvolgono l'anafilassi; infezione sistemica da vaccino-ceppo (in seguito alla somministrazione di vaccini vivi a persone con sistema immunitario compromesso); intussuscezione (dopo il vaccino contro il rotavirus); Sindrome di Guillain-Barré (dopo il vaccino influenzale inattivato); lesioni legate alla caduta (associate allo svenimento post-vaccinazione); malattia sistemica o neurologica (dopo la vaccinazione contro la febbre gialla); complicazioni gravi come infiammazione del cervello e problemi cardiaci (dalla vaccinazione contro il vaiolo); e polio paralitico associato al vaccino (dal vaccino antipolio orale).
Con la sproporzionata dipendenza della FDA dalle tasse degli utenti per compilare il budget e le sciocche argomentazioni sulle "coincidenze", è difficile fare un caso convincente che le decisioni relative alle licenze di vaccinazione dell'agenzia rimangano incontaminate dalle preferenze dell'industria farmaceutica. Per il bene dei bambini americani, è essenziale garantire che tutte le parti coinvolte nell'approvazione federale dei vaccini siano esenti da conflitti di interesse.
Articoli correlati:

Ridendo fino in fondo alla bancarotta: produttori di vaccini e tutela della responsabilità civile - Conflitti di interessi minare la salute dei bambini: parte III
https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/ridendo-fino-in-fondo-alla-bancarotta.html

NCVIA: La legislazione che ha cambiato tutto - Conflitti di interesse che stanno minando alla salute dei bambini: parte II
https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/ncvia-la-legislazione-che-ha-cambiato.html


Vaccinazione come ortodossia: conflitti di interesse minare la salute dei bambini parte I

https://informaresenzacensure.blogspot.com/2019/05/vaccinazione-come-ortodossia-conflitti.html

Il mercato dei vaccini garantito dal CDC - Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini, parte V

© 06 giugno 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, ...