giovedì 13 gennaio 2022

Omicron, si muore di meno. Letalità più bassa rispetto alla variante Delta.... Lo studio realizzato dai ricercatori dell'University of California di Berkeley. Cala anche il rischio di ricovero e terapia intensiva

 




Come si fà ad accettare queste restrizioni somiglianti ad un regime per un virus che ormai ha perso la sua virulenza? Super green pass obbligo vaccinale? Semplicemente vergognoso..... Solo i Capponi accettano tutto ciò senza avere un minimo di ribrezzo e voltastomaco . Sta succedendo qualcosa nel mondo ma qualcosa di veramente importante a livello geopolitico ed economico questo virus sembra più di arma di distrazione di massa.

Variante Omicron, Palù: "Ormai c'è isteria" Il presidente dell'Aifa membro del famoso CTS: "E' ora di cominciare a parlare della differenza tra infezione e malattia"

Poi leggiamo

Milano, 12 gennaio 2022 - La 
variante Omicron comporta un minor rischio di ricovero, di necessità di ricorso alla terapia intensiva e di morte rispetto alla variante Delta. Un'ulteriore conferma arriva da uno studio coordinato da ricercatori dell'University of California di Berkeley e pubblicato in pre-print su medRxiv.

Risultati clinici tra i pazienti infettati con la variante SARS-CoV-2 di Omicron (B.1.1.529) nel sud della California


Malati Omicron e Delta a confronto

La ricerca si distingue da molti studi effettuati fino a oggi sull'aggressività della variante Omicron che avevano confrontato l'andamento dell'infezione con la nuova variante rispetto a quanto avvenuto nelle ondate precedenti. In questo caso, lo studio ha messo a confronto due gruppi di pazienti americani ammalatisi a dicembre con Omicron e Delta, dopo aver discriminato le varianti tramite una tecnica definita dropout del gene S.

Morti, ricoveri e terapie intensive

Complessivamente sono state analizzati i dati di 52.297 persone infettate con la variante Omicron e 16.982 con Delta. Sono stati ricoverati 235 pazienti con variante Omicron (0,5%) e 222 (1,3%) con variante Delta. Hanno avuto bisogno della terapia intensiva 7 pazienti che avevano contratto Omicron contro i 23 infettati da Delta; nessuno con Omicron ha avuto bisogno della ventilazione meccanica contro 11 ammalatisi con Delta. E' stato registrato un morto nei pazienti Omicron e 14 in quelli Delta. Infine, la durata del ricovero è risultata 3,4 giorni più breve con Omicron.

Vaccinati e no vax

Sulla base di questi dati i ricercatori hanno concluso che "le infezioni con variante Omicron sono state associate a riduzioni del 52%, 53%, 74% e 91% del rischio di qualsiasi successivo ricovero, ricovero con malattia sintomatica, ricovero in terapia intensiva e morte, rispetto alle infezioni della variante Delta". Cosa non meno importante, "le riduzioni della gravità della malattia associate alle infezioni da variante Omicron erano evidenti sia tra i pazienti vaccinati sia in quelli non vaccinati e tra quelli con o senza una precedente infezione da Covid documentata".

Nessun commento:

Posta un commento

MIOCARDITE, PRINCIPALE EFFETTO AVVERSO TRA GLI OVER 12. I DATI DEL VAERS

  La   miocardite , un’infiammazione del muscolo cardiaco, è in cima alla lista dei danni da vaccino Covid riportati dal   VAERS , il princi...